Servono tagli più coraggiosi

Una prima lettura della operazione di rivisitazione della spesa conduce a segnalare l’assenza o la debolezza degli interventi sui grandi aggregati con l’unica, positiva, eccezione del pubblico impiego. Grandi economie potrebbero infatti derivare dalla riorganizzazione della sanità, dell’assistenza e della finanza locale, aree per le quali il precedente governo era intervenuto con la riforma del ...

Tutelare chi si è visto cambiare improvvisamente le regole

Si tratta di definire che cosa si intenda per “esodati”, se sono soltanto coloro che hanno interrotto il rapporto di lavoro prima dell’ingresso della nuova disciplina o se invece sia una platea più ampia di persone che hanno pianificato un percorso graduale e progressivo di uscita dal mercato del lavoro sulla base di accordi individuali ...

Alfano, Casini e Maroni uniti. I moderati ripartano da loro.

Alfano, Casini e Maroni uniti. I moderati ripartano da loro.
  Per il Pdl, avverte Maurizio Sacconi, la sveglia è suonata con Amministrative deludenti in termini di consensi, ma «incoraggianti in termini politici per l’assenza di migrazioni elettorali dai moderati al Pd; per il fallimento del Terzo polo, per l’evidente chiusura in se stessa della sinistra». E ora, incalza l’ex ministro del Welfare del governo ...

Nel solco di Marco Biagi

Nel solco di Marco Biagi
Caro Direttore, la prossima presentazione di un ulteriore atto di riforma del lavoro induce in noi una prima amara considerazione sul tempo perduto. Ben undici anni or sono, Marco Biagi ha disegnato, attraverso il Libro Bianco che gli chiedemmo di redigere, un percorso riformatore fondato sulla preveggente analisi delle nuove, sregolate, pressioni competitive globali e ...

Il sacrificio di Marco e quell’ultimo miglio in suo nome

Il sacrificio di Marco e quell'ultimo miglio in suo nome
Caro direttore, a dieci anni dall’odioso assassinio, Marco Biagi viene ricordato con crescente partecipazione. Circa 600 persone hanno affollato, in un primo pomeriggio feriale, l’usuale evento promosso a Roma dal centro studi Adapt da lui stesso fondato, le istituzioni e i corpi sociali bolognesi si sono successivamente riuniti per l’annuale premio nel suo nome del ...

La mia intervista a Il Piccolo

La mia intervista a Il Piccolo
«Il premier ce la farà se ascolta le imprese. L’Italia ora è matura» Sacconi, ex ministro al lavoro, condivide l’accelerazione: «Ma guai a presentare una riforma contro le aziende» Finalmente si può finire il percorso ispirato da Marco Biagi. L’articolo 18 va rivisto Ma il cuore del problema sono i licenziamenti disciplinari. Ho sostenuto Fornero ...

Una conferenza nazionale del Pdl per il lavoro

Una conferenza nazionale del Pdl per il lavoro
Il segretario nazionale del Pdl Angelino Alfano ha correttamente riproposto oggi, al centro della politica di governo, il lavoro perché una buona politica ad esso relativa genera maggiore propensione ad investire e ad assumere anche in tempi di aspettative incerte. Per questo Alfano ha deciso di promuovere per il prossimo 26 marzo una conferenza nazionale ...

Non difendere l’indifendibile

Non difendere l'indifendibile
Caro Direttore, le riforme del lavoro- e la conseguente giurisprudenza – hanno sempre segnato fortemente, nel bene e nel male, le dinamiche non solo economiche ma più generalmente sociali e culturali in quanto investono un aspetto fondamentale della vita e delle relazioni umane. Così è stato per lo Statuto dei Lavoratori. Così è stato per ...

La mia intervista a La Nazione

La mia intervista a La Nazione
«Riforma nel solco di Biagi. Il governo non si lascerà intimidire» SENATORE Sacconi, il destino vuole che la riforma del mercato del lavoro vedrà la luce nel decennale dell’assassinio di Marco Biagi. Ci sono le premesse per pensare che il giuslavorista che collaborò con lei l’avrebbe sottoscritta?«Credo di sì. La grande intuizione di Marco fu ...

Nessuno scandalo

Nessuno scandalo
Il Presidente Monti ha correttamente constatato che nelle economie moderne cambiano velocemente i modi di produrre ed organizzare i beni e i servizi cambiando conseguentemente i rapporti di lavoro. Ed ha ancora ragione quando indica ai nostri giovani il diritto e il dovere di cogliere tutte le opportunità che questi cambiamenti inducono perché le insicurezze ...