Serve una terapia d’urto

I dati sulla cassa integrazione, sulle indennità di disoccupazione, sull’indebitamento delle famiglie, sul crollo dei consumi ed altro ancora disegnano un disastro sociale che si è prodotto con velocità geometricamente crescente soprattutto nell’ultimo anno, per la spirale depressiva che ha investito l’economia e la società. É evidente che questa situazione invoca qualcosa di più di ...

Un quadro preoccupante

Le previsioni di Confindustria e la periodica rilevazione ISTAT sulle grandi imprese disegnano un quadro attuale e prospettico del mercato del lavoro italiano particolarmente preoccupante. A ciò si aggiunge la bassa produttività del lavoro segnalata dal rapporto ISFOL e causata da un disastro educativo che, avendo offerto ai giovani percorsi dequalificati e poco apprezzati dal ...

Articolo 18, intesa tra governo e partiti base minima di convergenza

Articolo 18, intesa tra governo e partiti base minima di convergenza
L’intesa tra governo e partiti che lo sostengono in materia di lavoro costituisce una base minima di convergenza. Il tabù dell’art.18, dopo il primo atto di riforma attraverso il rinvio alla capacita’ della contrattazione aziendale ( art.8 della manovra estiva), e’ stato ulteriormente spezzato anche se con una scelta di fiducia in quella giurisprudenza che ...

La coesione sociale non sia motivo di immobilismo

La coesione sociale non sia motivo di immobilismo
Le riforme del lavoro sono state frequentemente divisive in un Paese segnato da una forte presenza ideologica che voleva inesorabile e perfino virtusoso il conflitto tra classi. L’Italia – e in essa almeno i due grandi partiti popolari -hanno ora, a dieci anni dalla morte di Marco Biagi e dalla sua riforma incompiuta, l’opportunità di ...