“Commissariare Regioni e Comuni che sforano”: la mia intervista a Il Sole 24 Ore

di Emilia Patta dal Sole 24ore «Questa riforma costituzionale deve essere l’occasione per porre rimedio all’obbrobrio storico del federalismo italiano introdotto nel 2001. Bisogna riaffermare fino in fondo il principio dell’interesse nazionale: la garanzia dello Stato nei confronti dei cittadini e l’unità dello Stato verso l’Europa». Il Senato delle Autonomie non elettivo, come voluto da ...

“Noi di nuovo con Forza Italia? Evitiamo i tatticismi”: la mia intervista su Avvenire

Intervista di Giovanni Grasso Su Avvenire L’assoluzione di Berlusconi? «Ne siamo felici, il clima politico è sicuramente più disteso, ma non è la panacea che risolve come per magia tutti i problemi del centrodestra». Il capogruppo di Ncd al Senato Maurizio Sacconi frena sulla prospettiva di una riunione a breve di tutto il vecchio centrodestra. ...

“La svolta ancora non c’è. Ora tocca all’articolo 18″: la mia intervista a Il Corriere della Sera

Intervista di Alessandro Trocino Dal Corriere della Sera ROMA — «I prossimi mesi, da qui fino alla fine dell’anno, segneranno il destino dell’Italia. Tutto dipenderà dalle scelte che si faranno sulle riforme in agenda». Maurizio Sacconi, ex ministro del Lavoro e presidente del gruppo del Nuovo Centrodestra al Senato, non pensa tanto alla riforma del ...

“Con jobs act bisogna cancellare l’articolo 18″: la mia intervista a La Stampa

Intervista di Roberto Giovannini La Stampa Un Jobs Act che salva l’art.18? «Ancora una volta la riforma del mercato del lavoro sarà il metro di misura, in Italia e in Europa, della vera direzione di marcia del governo». Parla Maurizio Sacconi, ministro con Berlusconi e oggi presidente Ncd della Commissione Lavoro del Senato. Presidente, dunque ...

“Più controlli sugli enti locali, se sbagliano lo Stato deve commissariare”: la mia intervista a Il Mattino

intervista al Mattino di Corrado Castiglione Senatore Sacconi, i rilievi di Bruxelles somigliano tanto ad una bocciatura: è così? «Ma no. L’Europa ci chiede di realizzare le riforme già programmate e di mantenere il controllo dei conti rendendo strutturale la minore pressione fiscale con la legge di stabilità pluriennale». L’Europa insiste sulle misure strutturali: siamo ...

No manovra, si riforme

Le raccomandazioni della Commissione non comportano la richiesta di una manovra aggiuntiva ma sollecitano quelle riforme strutturali che possono consentire di agire tanto sul numeratore della spesa quanto sul denominatore della crescita. L’agenda è scritta ma la qualità degli atti dovrà essere dimostrata. La riforma del Titolo V come quella delle pubbliche amministrazioni sono gli ...

“Salari, articolo 18 e contratti: ecco la riforma”: la mia intervista a Libero

Intervista di Tobia de Stefano tratta da Libero Completare il “Jobs Act”. Nella conferenza stampa post successo elettorale, Mister 40%, Matteo Renzi, mette la seconda parte della riforma del lavoro al centro del suo programma. Sottolinea l’importanza della legge delega presentata al Parlamento e chiede ai suoi di accelerare. Perché, tamponata l’emergenza con il decreto ...

Ncd, consolidare identità

Il Nuovo Centrodestra, superata la prova del fuoco a soli 5 mesi dalla sua costituzione, ha ora il dovere di consolidare la propria identità in funzione dell’allargamento del consenso e delle possibili alleanze. Ncd è nato nel presupposto di essere portatore di un pensiero forte quale è quello che sostiene l’impegno per la difesa dei ...

“Sacconi benedice Di Piazza: può farcela”: la mia intervista al Messaggero Veneto

Il Messaggero Veneto – di Mattia Pertoldi La soglia del 4% alle prossime europee non lo intimorisce, ma Maurizio Sacconi, capogruppo del Nuovo Centrodestra (Ncd) al Senato, va a caccia di un risultato di prestigio per proseguire nell’obiettivo degli alfaniani: diventare la guida del centrodestra italiano. Cercando in Fvg di trainare la corsa di Roberto Di ...

“Saremo i Renzi del Centrodestra”: la mia intervista a Il Giornale di Vicenza

Il giornale di Vicenza, di Cristina Giacomuzzo Al decreto sul lavoro convertito giovedì in legge con il voto dell’Aula di Montecitorio assegna un voto: 7+. Del resto Maurizio Sacconi in cattedra ci sale volentieri visto che quel ministero l’ha guidato direttamente lui quando il premier era Berlusconi. Ora, da capogruppo al Senato del Nuovo Centrodestra ...